Odontoiatria specialistica

La Conservativa è la branca dell’odontoiatria che si occupa della diagnosi, della prevenzione e della terapia delle lesioni congenite ed acquisite degli elementi dentali.
Sia le lesioni congenite (ipoplasia dello smalto) che quelle causate dai batteri sulle superfici dentali, dalla demineralizzazione iniziale della struttura dello smalto fino alla formazione di carie profonde, fanno parte del campo di interesse della “conservativa”. 
Il fine ultimo di questa branca è  conservare appunto, quanto più è possibile del dente naturale utilizzando tecniche di eliminazione della carie e di restauro votate al minimo intervento ed al risparmio biologico. 
Quando uno o più denti sono coinvolti da processi cariosi l’approccio alla terapia sarà volto alla rimozione dei tessuti infetti ed alla preservazione di quelli integri che serviranno da solida base funzionale per poter effettuare un restauro del dente, efficiente, durevole ed integrato sia sotto il profilo biologico che estetico. 
Il risparmio biologico di questo approccio  permette spesso di rimandare di molti anni interventi più complessi di protesi convenzionale.

Otturazione del dente
L’otturazione del dente è la tecnica di riparazione del dente danneggiato dall’insorgere di carie o traumi.
Viene effettuata solo in caso non ci sia stata lesione del nervo dentale.
Consiste nel pulire il dente del materiale necrotico applicandovi del materiale composito per ricostruire la forma originaria del dente.
L’intervento di otturazione del dente può richiedere anestesia locale o essere effettuato senza a seconda della profondità della lesione cariosa.
L’otturazione del dente viene realizzata in composito, un materiale fotolipomerizzabile a base resinosa, microriempito di silicio dal colore simile a quello dei denti naturali.Risulta poco visibile garantendo una maggiore estetica del sorriso. Il vantaggio del composito inoltre, è la sua notevole resistenza,rendendolo ideale in quanto duraturo ed esteticamente valido.

Intarsio in composito
L’intarsio in composito è una tecnica indiretta di ricostruzione del dente.
Permette di ricostituire una porzione ampia di dente in materiale composito garantendo il ripristino dell’architettura del dente e di una resa estetica ottimale.

Ricostruzione indiretta del dente
Si tratta della ricostruzione in laboratorio della sezione danneggiata del dente in seguito al permanere di una carie trascurata. La procedura di ricostruzione del dente richiede un calco del dente lesionato su cui il laboratorio odontotecnico realizzerà la parte mancante.
Lo studio permette di comprendere la forma originaria del dente e di creare in seguito una copia della sezione danneggiata in materiale composito.
Avvenuta la ricostruzione esterna del dente, si procede con l’inserimento e la cementazione definitiva.
L’intervento di ricostruzione del dente viene effettuato con anestesia locale,non comporta quindi dolore fisico per il paziente.

Faccetta in disilicato di litio
La faccetta è composta da un materiale versatile e innovativo il disilicato di litio.
Consente di riprodurre fedelmente l’estetica del dente.
È possibile effettuare modellazioni anche molto sottili (0,3 mm) grazie alla sua duttilità andando quindi a risolvere problemi estetici tipo decolorazioni da tetracicline, diastemi (spazio fra i denti), fratture e inestetismi dovuti da vecchie otturazioni.